Una stanza tutta per sé

The London diary & other adventures

Nuove avventure & Sofar Sounds

Spesso mi domando e chiedo che cosa ne sarebbe stato di me se non avessi deciso di trasferirmi a Londra, una domanda molto rischiosa, che per ovvie ragioni mi porta sempre, solo ed unicamente a stilare una lista di opzioni improbabili e assolutamente non verificabili. Una cosa è certa però, se non fossi dove sono ora non avrei avuto la possibilità di incontrare le persone che ho conosciuto durante questo percorso e di vivere ciò che mi ha reso la donna che sono oggi.

L’ultimo anno e mezzo non è stato per niente facile per me, un periodo colmo di insicurezza ed incertezza sul presente, sul domani e sulle mie capacità. Mesi nei quali mi sembrava di non essere in grado di fare nulla che valesse la pena di essere fatto, giorni nei quali mi interrogavo incessantemente cercando di capire che cosa volessi fare “da grande”, che cosa mi riuscisse bene, che cosa mi rendesse felice. Insomma, non riuscivo a capire che cosa fare della mia vita.

Ero costantemente attanagliata dalla sensazione di stare perdendo tempo, di sentirmi inutile ed incapace e di non star vivendo la mia vita al meglio… Fino a che ho deciso che non potevo e non volevo farmi trascinare verso il fondo.
Ho fatto tante cose per riuscire piano piano a tirarmi su: ho ricominciato a studiare, ho cambiato coinquilini, ho lasciato il lavoro ed ho iniziato a dedicarmi di più a me stessa e a cosa mi piaceva fare di più. Ho incominciato a comprare biglietti per tutti i concerti a cui volevo andare e ad andarci da sola, ho ricominciato a comprare libri e cd come se non ci fosse un domani, ad ascoltare qualsiasi cosa mi capitasse sotto mano.
Ed ho iniziato a collaborare con Sofar Sounds.

Sofar Sounds è un progetto internazionale, nato dal desiderio di promuovere la musica dal vivo ed il contatto tra il pubblico e gli artisti. I concerti vengono organizzati principalmente nei salotti delle persone interessate ad ospitare questo progetto, che possono proporre la propria casa attraverso una sezione dedicata del sito internet. Essendo un progetto che si sviluppa a livello internazionale ogni mese vengono proposte date in svariate città di tutto il mondo, da Sydney a New York, da Rio de Janeiro a Brescia, il tutto con l’intenzione di promuovere la scena musicale del posto e di connettere artisti ed amanti della musica.

Ho la fortuna di vivere in una delle città dove vengono organizzate un sacco di date ogni mese, più di 10 solo nel mese di giugno, e faccio parte di un gruppo di oltre 30 persone che segue minuziosamente ogni aspetto dell’organizzazione dei concerti, dal contatto con gli artisti alla ricerca di nuove location, dalla fotografia alla promozione. La parte più bella di tutto questo progetto è che il tutto è portato avanti da volontari che come me dedicano parte del loro tempo ad un’iniziativa che apprezzano e che amano… in sintesi, siamo una grande famiglia.

Se come me siete amanti della musica vi consiglio vivamente di registrarvi sul loro sito e di promuovere questa iniziativa perché vi posso assicurare che l’atmosfera durante le serate Sofar Sounds è assolutamente meravigliosa e merita di essere vissuta almeno una volta nella vita. Niente cellulari, niente distanze, niente chiacchiericci inutili durante le performance. Tutto gira intorno alla musica ed alla magia che essa trasmette.

E vi racconto tutto questo perché lavorare con loro mi ha fatto riflettere molto sul fatto che ho tralasciato una parte fondamentale della mia vita in questo blog… la musica 🙂
Vorrei raccontarvi di più dei concerti a cui vado, degli artisti che amo e del perché li amo, vorrei condividere con voi le novità, i nuovi musicisti ed i locali che frequento, perché la mia vita senza tutto ciò non sarebbe diventata il viaggio meraviglioso che sto vivendo. Che ne dite?

English – this tries to be a reflection of the Italian version, therefore some parts might sound funny. Please bear with me while I work on the translation 🙂

I often wonder and wonder what would have happened to me if I hadn’t decided to move to London… an extremely risky question which for obvious reasons always brings me to make a list of improbable and absolutely unverifiable options. One thing is for sure though, if I wasn’t where I am I wouldn’t have had the chance to meet the people I met during this journey and to live the experiences that made me grow so much.

The last year and a half was not easy for me, a time filled with insecurity and uncertainty about the present, the future and my capacities. I spent months in which I seemed to be unable to do anything that was worth to be done, days when I wondered incessantly trying to figure out what I wanted to do as a “grown up”, what my talent was, what would make me happy.
In short, I could not figure out what to do with my life.

I was constantly beset by the feeling of wasting time, to feel useless, incapable of reacting and not be living my life to the fullest …
Until I decided that I couldn’t and didn’t want to live that way.

I did so many things to slowly pull myself up: I started my master’s degree, I changed my roommates, I left my job and started to dedicate more time to my passions. I started to buy tickets for all the concerts that I wanted to go and to go there by myself, I started to buy books and CDs as if there was no tomorrow and to listen to all sorts of music.
And I began to work for Sofar Sounds.

Sofar Sounds is an international project, created in order to promote live music and the contact between the audience and the artists. The concerts are organised mainly in the living rooms of the people interested in hosting this project, who may propose their own home through a dedicated section of the website. Being a project internationally developed every month there are gigs organised in various cities around the world, from Sydney to New York, from Rio de Janeiro to Brescia, each one with the scope of promoting the local music scene and connecting artists and music lovers.

I am lucky enough to live in one of the cities that hosts the greatest number of gigs, more than 10 only in June, and I’m part of a group of over 30 people who meticulously follow every aspect of the gigs organisation, from liaising with the artists to looking for new venues, from photography to promotion. The best part of this project is that the whole thing is run by volunteers like me who devote some of their time to an initiative that they appreciate and love … in short, we are a big family.

If like me you love music I strongly recommend you to register on their website and to promote this initiative, as I can assure you that the atmosphere at Sofar Sounds gigs is absolutely magical and deserves to be experienced at least once in a lifetime. No cell phones, no distances, no unnecessary chatter during the performance. Everything is about the music and the magic that it transmits.

And I’m telling you all this because working with these guys made me think that I left out of this blog a key part of my life… music 🙂
I would like to tell you more of the concerts I go to, the artists that I love and why I love them, to share with you the news, the new musicians and venues that I attend, as my life without this would not have become the wonderful journey that I am living. What do you think about it?

sofarshowlogo

Advertisements

2 comments on “Nuove avventure & Sofar Sounds

  1. Flaminia
    1 June 2015

    SIII!! 🙂 🙂 ps. che lavoro stupendissimo questo di organizzare eventi musicali. Appena troverò una situazione stabile mi ci addentrerò anche io.. Se puoi/vuoi facci sapere anche com’è la parte organizzativa vera e propria, chissà potrebbe risultare utile prima o poi!!! Un abbraccio!! Flami

    • Federica
      1 June 2015

      Ciao Flaminia! Proverò a darvi più info man mano che mi ci addentro anche io, ho iniziato da poco e sto ancora cercando di capire ahah 🙂 E’ meraviglioso comunque, mi piace da morire 🙂 In bocca al lupo!! Fede

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Social

On Twitter

%d bloggers like this: