Una stanza tutta per sé

The London diary & other adventures

The London therapy

Atterrato con un bagaglio di nulla fra le mani e mille pensieri, Londra ti ha accolto fra le sue mille, splendide braccia.
L’hai osservata da lontano, come si osserva l’interno di quelle palle di cristallo piene di acqua e finta neve: il paesaggio, le case, gli edifici in lontananza, finché non è arrivato il momento di mollare la cima e di lanciartici.
Ma London Bridge non è Porta Garibaldi, Trafalgar Square non è Piazza Duomo, lo scontro sarebbe stato inevitabile.

Sei atterrato senza nemmeno renderti conto di dove stessi per andare a cacciarti, in quali vie saresti finito per perderti, mano nella mano con quella solitudine velata che ti inzuppa gli occhi e gli strascichi di un amore ormai passato al tuo fianco.
Non esiste Londra senza domande, non esiste Londra senza ricerca, non esiste senza malinconia.
La capacità di vivere una città pienamente sta nel riuscire a distaccarsi dai suoi luoghi iconici, da ciò che la rendono famosa agli occhi del mondo intero e nel perdersi fra le sue vie in camminate senza capo né coda per trovare i propri luoghi, i propri ritmi.
Dieci giorni possono essere un tempo infinitamente lungo da assimilare se vengono vissuti intensamente, “quanto basta per crearsi una piccola routine e conoscere una cucina a spanne”.
Hai preso in una mano il cuore di Londra mentre nell’altra stringevi il tuo e hai osservato la sua anima dall’interno, hai sfogliato minuziosamente tutti i suoi angoli più nascosti, osservato le persone meno appariscenti, accarezzato il vento fra le tue dita.
Londra è una terapia contro l’amore perduto, contro la perdita di sé stessi, ritrovando la bellezza dei luoghi che ci si è lasciati alle spalle e a volerci tornare il più presto possibile per poterli osservare con occhi diversi, nuovi.

T’insegna a ricominciare ad osservare, insegna a ricominciare a vivere.
Amandosi un po’ di più.

Advertisements

6 comments on “The London therapy

  1. Themis
    28 August 2012

  2. Laura Gargiulo
    28 August 2012

    bellissime parole 🙂

  3. katia
    28 August 2012

    commovente e reale allo stesso tempo….. tra un pò arrivo anche io per la mia London therapy

    • Federica
      29 August 2012

      Più reale e vissuto di tutti i miei altri post, forse…

      Londra ti aspetta 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: